Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Area riservata Consorelle RITO DELLA PROFESSIONE SEMPLICE


Ti amo in tutto,
o di travaglio, o di pace;
perchè non cerco, ne mai cercai,
le consolazioni di Te;
ma Te, Dio delle consolazioni.

Benvenuti nel sito

madre.jpg

Madre Angelisa Spirandelli, Superiora Generale
Un cordiale saluto a quanti si accosteranno al nostro sito web preparato con gioia e passione nell’intento di far conoscere l’Istituto di Nostra Signora del Carmelo, il suo Carisma specifico nell’ambito della grande Famiglia Carmelitana.
Leggi il resto

 

 

RITO DELLA PROFESSIONE SEMPLICE

Conferenza Episcopale Italiana, Rito della professione religiosa, Roma, ed. Conferenza Episcopale Italiana, 1975 coll. Rituale Romano, riformato a norma dei decreti del Concilio Ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Paolo VI Versione italiana approvata dalla S.Congregazione per il Culto divino il 13 gennaio 1975. “Tipica” per la lingua italiana. Di uso obbligatorio dal 2 febbraio 1976. RITO DI INGRESSO Quando i fedeli e la comunità religiosa si sono riuniti e ogni cosa è stata convenientemente preparata, la processione si muove verso l'altare, mentre il coro esegue con l'assemblea il canto d’ ingresso della Messa. La processione si svolge come al solito; vi partecipa la candidata accompagnata dalla Maestra e dalla Superiora Generale. Giunti in presbiterio, e fatta la debita riverenza all'altare, tutti prendono il posto loro assegnato e la Messa prosegue come al solito. LITURGIA DELLA PAROLA Le letture si possono scegliere o dalla Messa del giorno o dai testi proposti nel Lezionario, a meno che non ricorra una solennità. Il Credo è facoltativo, anche se prescritto dalla liturgia del giorno; si potrà eventualmente dire dopo la preghiera dei fedeli. PROFESSIONE RELIGIOSA Appello o domanda Quindi il Diacono o la Maestra delle novizie chiama per nome la Novizia, che è seduta accanto ai genitori: - (nome) ………………… Ella, ponendosi al centro, risponde con queste parole: - Mi hai chiamato: eccomi, Signore. Poi il Celebrante interroga la Novizia con queste parole: - Figlia (sorella) carissima, che cosa chiedi a Dio e alla sua santa Chiesa? La Novizia risponde: - Io, …………………, con l'aiuto di Dio, ho conosciuto la Regola della Congregazione delle Suore Carmelitane Istituto di Nostra Signora del Carmelo vivendo in fraterna carità con voi, Sorelle, il periodo di prova: ora chiedo umilmente a te, Madre …………………… di potermi consacrare a Dio e al suo Regno con la professione religiosa in questa Famiglia. La Superiora e la Comunità religiosa rispondono: - Rendiamo grazie a Dio. Omelia A questo punto anche la novizia si siede al posto preparato per lei e ha luogo l'omelia. Interrogazioni Terminata l'omelia e dopo un breve silenzio di meditazione, la Novizia si alza in piedi. Il Celebrante le domanda se è disposta a consacrarsi a Dio e a praticare la perfetta carità secondo la Regola e le Costituzioni della Famiglia religiosa. Il Celebrante domanda: - Figlia (sorella) carissima, tu sei già consacrata a Dio mediante il Battesimo; vuoi essere unita più strettamente a Lui con il nuovo e speciale titolo della professione religiosa? La Novizia risponde: - Sì, lo voglio. Il Celebrante: - Vuoi vivere in castità per il regno dei cieli, abbracciare la povertà volontaria, offrire a Dio il dono della tua obbedienza, per seguire Cristo nella via della professione evangelica? La Novizia risponde: - Sì, lo voglio. Quindi il Celebrante prende atto della sua decisione con queste paro-le: - Dio onnipotente te lo conceda con la sua grazia. Tutti: - Amen. Preghiera Poi il celebrante invita i presenti a chiedere l'aiuto divino dicendo: - Preghiamo. E tutti pregano per un po' di tempo in silenzio. Quindi il celebrante prosegue: - Guarda, Signore, questa tua figlia, che oggi con la sua professione davanti alla tua Chiesa vuole consacrarsi a te, seguendo i consigli evangelici. Fa' che la sua vita glorifichi il tuo nome e cooperi al mistero della salvezza . Per Cristo nostro Signore. Tutti: - Amen. Professione Terminata la preghiera, due Consorelle già professe, si avvicinano alla Superiora Generale e, in piedi, fungono da testimo-ni, secondo la consuetudine della Famiglia religiosa. La Novizia si presenta davanti alla Superiora Generale e legge la formula della professione: Io, ……………………., a gloria di Dio, nella ferma volontà di consacrarmi più intimamente a Lui e di seguire più da vicino Cristo in tutta la mia vita, davanti alle Consorelle presenti, nelle tue mani, Madre …………….. Superiora Generale ( o nelle tue mani …, Delegata generale), faccio voto per un anno, di castità, povertà e obbedienza, secondo le Costituzioni della Congregazione delle Suore Carmelitane Istituto di Nostra Signora del Carmelo, fondato dalla Beata Maria Teresa Scrilli che spese la sua vita tra la contemplazione dei divini misteri e l’educazione delle giovani. Mi affido con tutto il cuore a questa famiglia, affinché con la grazia dello Spirito Santo e l'aiuto della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, nostra principale Patrona, possa conseguire la perfetta carità, nel vivere il carisma specifico dell’Istituto, nel compiere sempre “la volontà di Dio e il bene delle anime”, collaborando fedelmente al mistero della Redenzione, nel servizio di Dio e delle Chiesa. Emessa la professione, la Professa ritorna al suo posto e rimane in piedi. Consegna del velo e della Regola Dopo la professione, il Celebrante, aiutato dalla Superiora e dalla Maestra, ricopre la testa della neoprofessa con il velo, dicendo questa formula: - Ricevi il sacro velo come segno della tua consacrazione a Cristo Signore nel servizio della Chiesa. La neoprofessa risponde: - Amen. Quindi il Celebrante consegna le Costituzioni con questa formula: - Ricevi la Regola di questa Famiglia e testimonia in tutta la tua vita ciò che hai appreso con tanto impegno. La neoprofessa risponde: - Amen. Ricevuto il libro, ritorna al suo posto e il coro intona un canto. La neoprofessa riceve dai Celebranti, dalla Superiora Generale, dalla Maestra e dai Genitori l'abbraccio fraterno. PREGHIERA DEI FEDELI Il rito della professione si conclude con la preghiera dei fedeli. - Fratelli carissimi, alla celebrazione del mistero eucaristico si unisce oggi la prima professione di questa sorella; rivolgiamo con particolare fervore la nostra preghiera a Dio Padre onnipotente per mezzo di Gesù Cristo, maestro di vita evangelica. R. Ascoltaci, Signore. - Per la santa Chiesa di Dio, perché illuminata dalle virtù dei suoi figli risplenda sempre più davanti al Cristo suo Sposo, preghiamo. - Per il Papa, Benedetto XVI, e tutti i Vescovi, perché lo Spirito Santo che discese sugli apostoli illumini e guidi i loro successori, preghiamo. - Per tutti i ministri della Chiesa, perché con la parola e con le opere conducano alla salvezza il popolo loro affidato, preghiamo. - Per la pace e la salvezza del mondo, perché tutti i religiosi, siano messaggeri e operatori della pace di Cristo, preghiamo. - Per il bene dei popoli, perché tutti coloro che si consacrano al servizio di Dio,nell’assidua ricerca dei beni eterni, promuovano il bene di tutti i fratelli, preghiamo. - Per tutti i credenti in Cristo, perché siano pronti ad accogliere la voce di Dio, che ci chiama alla santità, preghiamo. - Per tutti i consacrati a Dio, perché presentino a Lui come offerta spirituale il canto delle labbra e del cuore, il lavoro delle mani e della mente, le gioie e le sofferenze di questa vita, preghiamo. - Per i religiosi e le religiose, perché ciascuno di loro, secondo la propria vocazio-ne, accresca la santità nella Chiesa e s’impegni a estendere il regno di Dio, preghiamo. - Per la nostra sorella …………, che oggi si è consacrata al servizio di Dio, perché cresca in lei lo spirito di vera carità verso tutti i fratelli, preghiamo. - Per la nostra sorella ………………, perché la consacrazione religiosa l’aiuti a vivere con sempre maggiore coerenza gli impegni del suo battesimo, preghiamo. - Per i genitori di …………………, perché Dio si degni benedirli e ricompensarli per avere generosamente offerto la loro figlia al servizio Suo e della Chiesa, preghiamo. - Per tutti noi qui presenti, perché accogliamo con fede l'invito del Maestro a essere perfetti e portiamo autentici frutti di santità, preghiamo. Proteggi la tua famiglia, o Signore, e ascolta la nostra concorde preghiera per questa sorella che offre a te le primizie della sua consacrazione. Per Cristo nostro Signore. Tutti: - Amen. LITURGIA EUCARISTICA Mentre si esegue il canto di offertorio, si portano all'altare il pane, il vino e l'acqua per il sacrificio eucaristico.
Azioni sul documento